Devi essere pazzo se allevi anguille!

Nel settore dell’acquacoltura, i giovani allevatori mostrano un approccio ottimistico nei confronti delle loro imprese. Jan Götting è uno di loro.

“Sono disposto a investire in questa avventura che continua.” Jan Götting.

Nei pressi di Cloppenburg, in Germania, Jan Götting gestisce l’allevamento di anguille Aalhof Götting. L’allevamento Aalhof Götting è stato fondato nel 1986 dal padre Gerd Götting, cresciuto in un’antica fattoria tradizionale risalente al 1654. L’agricoltura e il bestiame erano una passione e così, Gerd cominciò a studiare ciò che costituiva il suo campo di interesse.

Perché non provare qualcosa di nuovo?

Quando, a causa di un incidente, Gerd Götting venne ricoverato in ospedale, si rese conto di non poter più perseguire le sue ambizioni nel campo dell’agricoltura. La fortuna volle che Gerd leggesse un articolo su una rivista, in cui si diceva che, in un lago in Cina, si allevavano pesci su strutture sospese. ”Perché non provare qualcosa di nuovo?”, pensò, e poco dopo aver terminato gli studi, egli visitò alcuni degli allevamenti di anguille sorti di recente in Danimarca, in modo da capire cosa sarebbe stato necessario per avviare un allevamento in-door di anguille nella sede di Cloppenburg.

I primi tentativi di allevamento in RAS furono fatti con 10-15 vasche delle dimensioni di una vasca da bagno. Imparare sul campo significa accettare che la curva di apprendimento possa essere ripida e a volte molto dispendiosa. Ma i risultati promettevano bene. In seguito, Gerd costruì delle nuove strutture per l’allevamento in-door e oggi l’azienda produce circa 180 tonnellate di anguille.

Al momento dell’arrivo nell’impianto, le anguille cieche pesano circa 0,3 grammi. Quando raggiungono i 3-10 grammi, la metà delle anguille viene venduta a organizzazioni per la pesca, ad autorità pubbliche e ad associazioni per la pesca sportiva, e per il ripopolamento in natura. Il 10-15% delle anguille d’allevamento viene venduto dal negozio presente nell’allevamento a privati. Secondo Jan Götting, la vendita in loco richiede molta manodopera, ma consente di ottenere buoni prezzi di vendita e offre l’opportunità di promuovere l’anguilla come alternativa sana, gustosa e sostenibile, ad altre fonti proteiche animali. Una volta che le anguille sono state pulite ed eviscerate, vengono vendute agli affumicatoi mentre altre sono vendute vive ai grossisti.

Una formazione da ingegnere

Da bambino, Jan Götting è cresciuto nell’allevamento di anguille. Jan dava una mano al padre, quando egli usciva per dare da mangiare ai pesci, e alla madre che era – ed è tuttora – responsabile della vendita diretta ai clienti della zona.

Jan Götting ha conseguito un master in ingegneria industriale. Dopo gli studi, ha lavorato per 7-8 anni come ingegnere in un’azienda che si occupava principalmente di progetti di costruzione per pollame e carne suina, nel settore agroalimentare, e per un breve periodo si è occupato di progetti per l’allevamento in-door del pesce siluro d’Europa.

“Nel 2018, ho lasciato il mio lavoro di ingegnere per acquisire maggiore familiarità con la gestione dell’allevamento di anguille. Ora sono un allevatore di anguille a tempo pieno, sono il direttore di Aalhof Götting, ne sono co-proprietario insieme a mio padre e mi sento fortunato di aver potuto rilevare questa attività ben avviata”, racconta Jan Götting. “Al momento lavoriamo in tre e speriamo di arrivare presto a quattro persone. È importante avere dipendenti capaci che si assumano la responsabilità dell’allevamento e dei pesci – si tratta di un bel gruzzolo, dopotutto!”.

L’acquacoltura? Sei pazzo?

Nel 1986, la gente del posto scuoteva la testa quando pensava al progetto di Gerd Götting di allevare anguille: “ L’acquacoltura? Sei pazzo? Non avrai mai successo”. Ora, 37 anni dopo, Jan Götting incontra lo stesso stupore. “Ma per me è una passione e prevedo che avremo molti anni di successo a venire”, spiega Jan Götting. “Allevare anguille è costoso, ma più se ne riescono ad allevare e vendere, e più il lavoro diventa redditizio. Il mercato è stabile e sono disposto a investire in questa avventura che continua”.

Non vedo dei segnali negativi

“L’industria dell’anguilla è il principale promotore del ripopolamento e della conservazione dell’anguilla in natura”, afferma Jan Götting. In Germania, il ripopolamento delle anguille in acque interne è iniziato più di un secolo fa. “Con gli obblighi di ripopolamento per l’anguilla europea introdotti dall’UE e in vigore dal 2007, ora vediamo che l’anguilla si è ripresa in modo abbastanza soddisfacente”, spiega Jan Götting, e prosegue: “Vedo dei buoni segnali che indicano una ripresa dell’anguilla selvatica. Ho dei buoni rapporti collegiali con i colleghi tedeschi e olandesi, siamo tutti preoccupati per le decisioni politiche che vengono prese e che riguardo la disponibilità di anguille cieche per il rifornimento dei nostri allevamenti. Ma non vedo dei segnali negativi. Sono ottimista!”.